Pubblicità
9.7 C
Firenze
12.9 C
Roma
Pubblicità

TOSCANA POLITICA

Pubblicità

FIRENZE

HomeDiritti UmaniLa battaglia per i diritti delle donne kurde, venerdì 26, ore 10,...

La battaglia per i diritti delle donne kurde, venerdì 26, ore 10, iniziativa in Regione

GAIAITALIA.COM FIRENZE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

“Donna, vita, libertà”, sono le tre parole che le donne kurde hanno scelto per accompagnare le loro battaglie civili. Tre parole che saranno anche al centro dell’incontro dibattito organizzato per domani, venerdì 26 gennaio, a Firenze, presso la presidenza della Regione Toscana, in piazza Duomo 10, sala delle esposizioni (inizio alle ore 10).

L’iniziativa, promossa dall’assessora regionale alle politiche sociali Serena Spinelli, servirà a presentare l’associazione Udik (Unione donne italiane e kurde) che si è posta il compito di sensibilizzare l’opinione pubblica sul travaglio del popolo curdo e la sua battaglia per il riconoscimento della propria identità, di far emergere le storie delle donne Kurde e di far conoscere tra le donne italiane i loro processi di emancipazione e di lotta per l’acquisizione dei diritti civili fondamentali.

“La Toscana – ha spiegato Serena Spinelli nell’annunciare questa iniziativa – ha una tradizione di impegno per la pace e la solidarietà tra i popoli, oltre che a sostegno della loro autodeterminazione: questa iniziativa vuol rafforzare il legame con il popolo curdo, ed esprimere vicinanza alle donne che, con tanto coraggio e passione, si battono per l’affermazione di diritti irrinunciabili”.

Oltre all’assessora Spinelli, che aprirà i lavori, interverranno Gulala Salih, presidente di Udik e attivista per i diritti, Susanna Agostini già referente per la cooperazione sanitaria e culturale tra Firenze e Kurdistan ed Eleonora Mappa, vicepresidente Udik e responsabile di ‘Kurdistan save the children’ per la Toscana e l’Emilia-Romagna.

Nel corso dell’incontro verrà presentato il libro “Identità sospese” di Gulala Salih, nel quale l’autrice dà voce alle tante donne che nel mondo sono vittime delle dittature e si battono per affermare il proprio ruolo nella società.

 

(25 gennaio 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE