Pubblicità
9.7 C
Firenze
12.9 C
Roma
Pubblicità

TOSCANA POLITICA

Pubblicità

FIRENZE

HomenotizieAlluvione, La Regione Toscana proroga al 9 febbraio il termine per presentare...

Alluvione, La Regione Toscana proroga al 9 febbraio il termine per presentare richiesta danni

GAIAITALIA.COM FIRENZE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Prorogato al 9 febbraio il termine per inoltrare la richiesta danni o la richiesta del contributo di autonoma sistemazione (un rimborso delle spese sostenute per trovare una sistemazione provvisoria nell’immediatezza) per le famiglie e le imprese che hanno subito danni a causa degli eventi meteorologici estremi dello scorso novembre.
La Regione Toscana, con l’ordinanza commissariale n. 4 del 25 gennaio 2024, ha disposto una proroga dei tempi per dare modo anche a chi non è riuscito a terminare la procedura di portare in fondo la pratica e presentare correttamente la domanda.

L’ordinanza prevede inoltre la possibilità per il Commissario di disporre in futuro ulteriori proroghe per le richieste di ‘contributo di autonoma sistemazione’, non andando comunque oltre il 31 marzo 2024.

“Inoltrare la domanda è l’unica modalità per chiedere i rimborsi dei danni subiti – ricorda il presidente della Regione Toscana e Commissario delegato per la gestione dell’emergenza Eugenio Giani – la Giunta regionale approverà nei prossimi giorni una delibera che definirà le modalità per erogare velocemente il primo contributo. Saremo molto attenti nel non fare disparità di trattamento, ma è importante che tutti coloro che hanno avuto danni compilino la domanda entro i termini stabiliti”.

Al 25 gennaio 2024 risultavano pervenute alla Regione 10.906 richieste danni presentate da famiglie e 2.612 da imprese. Solo 400 le richieste di ‘contributo di autonoma sistemazione’ presentate per il momento.

Per maggiori informazioni è possibile consultare la pagina del sito istituzionale della Regione Toscana.

 

 

(26 gennaio 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE