Pubblicità
9.7 C
Firenze
12.9 C
Roma
Pubblicità

TOSCANA POLITICA

Pubblicità

FIRENZE

HomenotizieCareggi, Gaynet: "Il Ministero consideri la posizione delle società scientifiche"

Careggi, Gaynet: “Il Ministero consideri la posizione delle società scientifiche”

GAIAITALIA.COM FIRENZE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

“Ben 12 società italiane in ambito psichiatrico, pediatrico, endocrinologico, sessuologico.  Hanno ribadito oggi che la triptorelina è un farmaco salva vita, transitorio, reversibile, che non ha nulla a che fare con il cosiddetto ‘cambio di sesso’. Il Ministero e gli ispettori inviati al Careggi tengano conto di questa nota fondamentale, che include tutte le discipline interessate dalla questione e ammonisce sul rischio di conseguenze negative sul benessere psicologico e fisico sia a breve che a lungo termine di una popolazione particolarmente fragile e vulnerabile”.

Lo scrive Rosario Coco Presidente di Gaynet, in una nota a commento del comunicato congiunto di Associazione Culturale Pediatri (ACP), Associazione Italiana della Tiroide (AIT), Associazione Medici Endocrinologi (AME) Osservatorio Italiano di Identità di Genere (ONIG), Società Italiana di Andrologia e Medicina della Sessualità (SIAMS) Società Italiana di Diabetologia (SID), Società Italiana di Endocrinologia (SIE), Società Italiana di Pediatria Endocrinologia e Diabetologia (SIEDP), Società Italiana Genere identità e Salute (SIGIS), Società Italiana di Medicina dell’Adolescenza (SIMA), Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza (SINPIA-sezione di Psichiatria) Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS)

“L’impressione sempre più chiara è che per compiacere a una certa area culturale e mandare determinati messaggi ideologici, ci si scagli contro alcune decine di adolescenti l’anno che rischiano di veder compromesso il proprio percorso con questo farmaco, cosa denunciata già da oltre 200 genitori preoccupati per i loro figli e figlie”.

 

(1 febbraio 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE