Pubblicità
9.7 C
Firenze
12.9 C
Roma
Pubblicità

TOSCANA POLITICA

Pubblicità

FIRENZE

HomeCampi BisenzioAl Teatrodante Carlo Monni, Marco Bocci protagonista de “Lo Zingaro”

Al Teatrodante Carlo Monni, Marco Bocci protagonista de “Lo Zingaro”

GAIAITALIA.COM FIRENZE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Marco Bocci, attore volto noto del grande e piccolo schermo – dal ruolo del commissario Scialoja nella serie di Stefano Sollima “Romanzo criminale” a quello di Domenico Calcaterra in “Squadra antimafia”sabato 13 gennaio ore 21.00 sarà sul palco del Teatrodante Carlo Monni di Campi Bisenzio (piazza Dante 23) con “Lo Zingaro. Non esiste curva dove non si possa superare”, monologo emotivo e appassionato che intreccia i destini di uno pilota d’auto senza nome e del mito della Formula 1 Ayrton Senna. Seguendo in parallelo la vita dello Zingaro e quella di Senna, il racconto rintraccia coincidenze, premonizioni, intuizioni. Il primo incontro con Senna, il primo gran premio visto dalla pista, il rapporto col padre, la scelta di correre, il legame profondo con la famiglia e il desiderio di crearne una propria. E ancora Senna, Senna ovunque. Senna è davanti agli occhi dello Zingaro in ogni curva, in ogni scelta, in ogni passo che fa alla ricerca di se stesso. Le attività del Teatrodante Carlo Monni sono a cura di Fondazione Accademia dei Perseveranti con la collaborazione e il sostegno di Regione Toscana, Comune di Campi Bisenzio, Chiantibanca, Unicoop Firenze (info e prezzi www.teatrodante.it).

Lo spettacolo – prodotto da Teatro Stabile d’Abruzzo per la regia di Massimo Maggi, da testo di Marco Bonini, Gianni Corsi e dello stesso Marco Bocci – è una scacchiera su cui la partita in gioco è quella della vita, della velocità, delle corse. Lo Zingaro del titolo è un appassionato di corse automobilistiche, ha l’ossessione di Ayrton Senna, un mito, un campione inarrivabile, ma pur sempre un modello a cui tendere e a cui guardare. Con Senna lo Zingaro ha in comune la passione per i motori, ma anche il numero 24 e una data: il primo maggio che nel 1994 segnò la morte del campione brasiliano. Anche lo Zingaro verrà coinvolto in un incidente il primo maggio di molti anni dopo, ma per lui non sarà la fine, anzi. L’incidente e la corsa all’ospedale permettono ai medici di individuare una malattia che se non scoperta lo avrebbe ucciso. Una storia che Bocci racconta con intensa partecipazione, perché la vicenda dello Zingaro è anche quella del suo interprete. L’incidente e la malattia sono fatti biografici che Bocci offre allo spettatore, disvelando grazie al teatro un pezzo di sé, chiedendo a chi assiste di farsi partecipe di un fatto di vita vera, di essere testimone del cambiamento dell’uomo Bocci prima che dell’attore Bocci, mentre lui osserva dall’esterno ciò che gli è accaduto per condividerlo, senza retorica, con sincerità.


LO ZINGARO
Non esiste curva dove non si possa superare
di Marco Bonini, Gianni Corsi e Marco Bocci
con Marco Bocci
regia Alessandro Maggi
musiche Davide Cavuti
produzione Teatro Stabile D’Abruzzo
in collaborazione con Stefano Francioni Produzioni

foto: Giada Di Blasio

Info:  Teatrodante Carlo Monni
piazza Dante 23, Campi Bisenzio (Fi)
055 8940864
Whatsapp e Telegram 3463038170
biglietteria@teatrodante.it
www.teatrodante.it

 

 

(8 gennaio 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE