Fino al 24 aprile quindici artisti espongono in sei gallerie fiorentine

Condividi:

di Redazione, #Firenze

Doveva durare un mese – dal 21 marzo al 20 aprile 2021 – ma in effetti il progetto Primo vere, con apertura al pubblico dalle 11 alle 18 di ben sei gallerie d’arte contemporanea di Firenze con le opere di una quindicina di giovani artisti, a causa dell’emergenza sanitaria è rimasto visibile una sola settimana (fino al 28.03), riscuotendo comunque interesse tra gli addetti ai lavori e un notevole successo di pubblico.

Tornando Firenze in “zona arancione”, anche le gallerie d’arte possono riaprire e la mostra Primo vere sarà visibile in tutte e sei le gallerie sicuramente fino al 24 aprile, grazie alla proroga di una settimana.

Nata su idea del direttore artistico del Museo Novecento di Firenze, Sergio Risaliti, e in più che simbolica concomitanza con l’equinozio di primavera, il titolo Primo vere reinvia all’esordio editoriale del giovanissimo Gabriele d’Annunzio che a soli 16 anni diede alle stampe la sua prima raccolta di poesie.

Le gallerie coinvolte – Frittelli, Il Ponte, La Portineria, Poggiali, Santo FicaraEduardo Secci -, sono tutte di Firenze, determinate a fare sistema per dare un forte segnale di rinascita culturale della città abbracciando l’idea di esporre per un mese opere di giovani artisti che vivono o gravitano stabilmente  in città, e che adesso più che mai hanno bisogno di sostegno, dimostrando che Firenze non è una città-vetrina, ma città-laboratorio dove i giovani decidono di risiedere per vivere esperienze formative, maturare e intercettare l’interesse degli operatori del settore.

«Primo Vere è un’iniziativa che apre uno spiraglio di generosità e di attenzione nei confronti del talento creativo – dice Sergio Risaliti -. Un’occasione per verificare l’esistenza di un sistema artistico locale e di una vitalità creativa radicata nel territorio. Giovani artisti e gallerie storiche avviano per la prima volta un progetto espositivo diffuso per mettere in evidenza le potenzialità di Firenze contemporanea, una città laboratorio, inclusiva e formativa, che non vuole essere solo vetrina e passerella, e dove le nuove sensibilità possano trovare occasioni per fare esperienze e sviluppare relazioni in un contesto di nuovo umanesimo che non viva e coltivi il desiderio di bellezza in una sola direzione, il passato, e con un solo scopo, la rendita di posizione. Si tratta di un altro tassello importante per la ripartenza di Firenze nel cambiamento e nell’orbita di una politica culturale che riconosca nei cittadini, e nei giovani in particolare, i protagonisti della rinascita, e nell’arte il volano storicamente necessario per la costruzione di un nuovo umanesimo».

Per una settimana in più del previsto, ogni galleria presenta lavori di uno o più artisti, coordinati dalla supervisione scientifica dello stesso direttore Risaliti, con l’intento di ribadire il concetto di sistema, sfatando luoghi comuni che vedono Firenze come città di perenni Guelfi e Ghibellini, città museo, luogo ostile alla sperimentazione più radicale.

In mostra gli artisti Jessica Fillini, Veronica Greco, Melissa Morris, Gianluca Tramonti, Regan Wheat (Galleria Frittelli);  Jacopo Buono, Matteo Coluccia, Stefano Giuri (Galleria Il Ponte); Marco Mazzoni (Galleria La Portineria); Francesca Banchelli, Irene Lupi, Virginia Zanetti (Galleria Poggiali); Davide D’Amelio, Gabriele Mauro (Galleria Santo Ficara); Max Mondini (Galleria Eduardo Secci).

Pubblicità

Potrebbero interessarvi

Max Grillo, dj oltre la techno che condisce di “ambient” la musica dance

di Ghita Gradita La sua musica ipnotizza come le onde del mar Tirreno; nel pulsare del suo ritmo incalzante trova...

Condizioni meteo in miglioramento dopo i temporali del primo pomeriggio

di Redazione Toscana Dopo le precipitazioni, le raffiche di vento e i temporali con intensi rovesci sulla provincia di Grosseto...

Maltempo, codice giallo per temporali forti esteso fino alle prime ore di sabato 1 ottobre

di Redazione Toscana Ancora pioggia e temporali interesseranno la Toscana per tutta la giornata del 30 settembre e il...

Metti che questo lo facesse un africano… (guarda dove la faccio e ti dirò per chi voto)

di Viareggio Notizie Succede quasi tutte le sere: un uomo, sempre lo stesso, le cui parti basse sono turbate da...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: