Home / Firenze / Ispezione col “ragno” all’interno della basilica della Santissima Annunziata

Ispezione col “ragno” all’interno della basilica della Santissima Annunziata

di Redazione #Firenze twitter@gaiaitaliacomlo #Cultura

 

 

Un ‘ragno’, ovvero uno speciale carrello mobile munito di una piattaforma elevatrice, sta lavorando in questi giorni all’interno della Basilica della Santissima Annunziata per una ricognizione e verifica degli apparati architettonici e decorativi interni nell’ambito del programma di manutenzione preventiva e programmata avviato dall’Amministrazione comunale sul patrimonio monumentale cittadino. E’ lo stesso macchinario utilizzato qualche settimana fa nella chiesa del Carmine.

L’intervento prevede l’ispezione diretta e puntuale di tutti gli elementi lapidei, lignei e metallici che costituiscono l’eccezionale corredo decorativo della chiesa, eseguita con l’ausilio della piattaforma elevatrice, e il coordinamento di un team di esperti composto da architetti, strutturisti, esperti di materiali lignei e restauratori, sotto la supervisione di tecnici della Fondazione CR Firenze, della Soprintendenza e del Comune.

Le opere sono infatti finanziate integralmente grazie ad un contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze che, da anni, sostiene importanti interventi di restauro e ripristino funzionale del complesso basilicale. In questa occasione essa ha proposto alla Amministrazione Comunale un dettagliato e complesso progetto di ispezione interna e l’attivazione di uno specifico team di professionisti per il coordinamento e le verifiche su tutto il complesso apparato ligneo del soffitto che copre la navata centrale della basilica, le apparecchiature murarie e le cappelle laterali, la cupola dell’abside ed il tempietto della vergine Maria.

L’intervento sta offrendo la possibilità di acquisire una straordinaria quantità di informazioni sulle peculiarità tecnologiche e lo stato di conservazione degli apparati interni, compresa una singolare mappature delle tombe ipogee tra le cui tracce si sta muovendo il ‘ragno’ elevatore, oltre a consentire l’esecuzione di piccoli interventi necessari a mantenere l’efficienza materica e strutturale di tutti i decori parietali e sospesi. Il piano di manutenzione redatto dal Servizio Belle Arti della Direzione Servizi Tecnici del Comune stabilisce per tali verifiche una frequenza biennale e pertanto l’esperienza sarà ripetuta nel 2020. Alla ricognizione col ‘ragno’, effettuata dal 12 al 21 marzo, seguirà la redazione di schede analitiche che illustreranno lo stato di conservazione di tutti i prospetti interni della Basilica .

Questi lavori rientrano nel piano di recupero e riqualificazione del complesso monumentale e dell’intera area, nato da un protocollo di intesa tra Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze e Comune di Firenze. L’intervento, del valore complessivo di quattro milioni e 700 mila euro, nasce in quadro fortemente innovativo perché costituisce un modello di sinergia pubblico-privata al servizio del territorio. Esso comprende non solo il restauro e la nuova impiantistica di molte parti della Basilica (il principale santuario mariano cittadino che ha una delle Porte Sante giubilari) ma anche numerose azioni di carattere strutturale che hanno lo scopo di rendere piena fruibilità a tutta la piazza.

‘’Questi nostri interventi – dichiara il Presidente della Fondazione CRF Umberto Tombari – sono fortemente caratterizzati dalla visione globale del contesto di riferimento e la Fondazione, oltre a mettere a disposizione una importante quantità di risorse economiche (dal 2016 ad oggi sono stati deliberati 1.825.000 euro) ha anche sostanzialmente collaborato alla identificazione di precise linee operative. Grazie alla condivisione con le Istituzioni Fiorentine (Comune di Firenze, FEC, Provincia Toscana dei Servi di Maria, Soprintendenza Archeologica, Belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Firenze) essa ha anche promosso il progetto di recupero architettonico della zona (recentemente è stato finanziato dalla Fondazione anche il restauro della facciata del Museo Archeologico prospicente la piazza) nel cui ambito si colloca questa specifica indagine, che consentirà di stilare una specie di ‘cartella clinica’ del complesso che è fondamentale per la conservazione futura. Mi preme infine sottolineare che, al fine di contrarre i tempi di avvio e di esecuzione dei lavori, la  Fondazione CRF, dando incarico progettuale allo Studio dell’Architetto Simonetta Bracciali, riferimento di consolidata esperienza nel restauro conservativo dei beni storici del nostro territorio, diventa per la prima volta Stazione Appaltante dei lavori impiegando risorse economiche, progettuali ed umane a servizio della propria città’’.

“Non vediamo l’ora – sottolinea il sindaco Dario Nardella – di riappropriarci della Basilica in tutto il suo splendore e di riconsegnare la chiesa ai cittadini in una piazza, una tra le più significative della città dal punto di vista artistico, architettonico e religioso, completamente riqualificata. Ringrazio la sensibilità della Fondazione, da subito al nostro fianco in questo progetto, e auspico di averla ancora accanto per la tutela dei nostri monumenti più preziosi”.

 

 





 

(23 marzo 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

Comments

comments

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Viareggio, pubblicata la graduatoria bando ERP

di Redazione #Viareggio twitter@gaiaitaliacomlo #ERP   Pubblicata la graduatoria Bando ERP 2016. E’ arrivata a ...

Su Arezzo Fiere la dichiarazione del consigliere comunale Baldelli: “C’è poco da essere… Fieri”

di Redazione #Arezzo twitter@gaiaitaliacomlo #Politica     Riceviamo in redazione il comunicato stampa del consigliere ...

Alla Biblioteca degli Intronati Marco Malvaldi con “La Misura dell’Uomo. Il 12 novembre

di Redazione #Siena twitter@gaiaitaliacomlo #Cultura   Lunedì prossimo, 12 novembre alle ore 17,30, Marco Malvaldi ...

Dallo scorso 11 novembre online il nuovo portale “Siena Comunica”

di Redazione #Siena twitter@gaiaitaliacomlo #ComunediSiena   Alle ore 11 del prossimo 11 novembre, torna attivo, ...

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi