Pubblicità
26.7 C
Firenze
23.1 C
Roma
Pubblicità

TOSCANA POLITICA

Pubblicità

FIRENZE

HomeFirenze PoliticaSalvini porta a Firenze la peggiore destra d'Europa

Salvini porta a Firenze la peggiore destra d’Europa

GAIAITALIA.COM FIRENZE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Giovanna Di Rosa

Salvini vuole “un’Europa senza Socialisti” perché “è possibile“, e senza nemmeno lanciare troppo lontano l’immaginazione sembra evidente che si riferisca ad un Europa senza sinistre. Del resto cosa volete che dica mia il vice primo ministro di una democrazia occidentale che raduna a Firenze la peggiore destra d’Europa?

Sovranisti, neonazisti, razzisti, omofobi e misogini: ci sono tutti al meeting fiorentino di Salvini, ma mancano i leader perché anche per le destre del resto d’Europa vale il dimmi con chi vai e ti dirò chi sei che non vale soltanto per le destre italiane. Tanto è colpa di Tajani che “sbaglia alleanze”. Perché bisogna pure iniziare una simile riunione attaccando qualcuno. Ci sono 2 mila persone per la convention di Free Europe organizzata dal gruppo Identità e democrazia e Salvini parla di Tajani come di un alleato della sinistra, nonostante ce l’abbia al governo e condivida il vicepremierato a dimostrazione che per le destre e per Salvini la realtà è quella che si racconta e non quella reale, e poi si lancia: “Io posso dire cosa vuol fare la Lega, costruire una alternativa alla sinistra”, giustamente non usa la parola governare.

Poi l’ennesimo slogan: “Tra Macron e Bardella e Le Pen non ho dubbi”, nemmeno loro ne hanno, verrebbe da dire, ma è un dettaglio. tant’è vero che Le Pen a Firenze non c’è venuta. E nemmeno il neovincitore sovranista olandese. Free Europe non è “un cantiere nero, ma un’idea sorridente di Europa”, lancia Salvini. Dell’idea, fino ad ora, non v’è però traccia se non quella di prendere più voti possibili alle prossime europee, possibilmente sottraendoli a Meloni e Tajani, che nutrono molti dubbi sul cantiere dell’idea sorridente di Europa troppo a destra anche per loro.

Applausi arrivano a Salvini da numerose delegazioni: forze euro scettiche e nazionaliste, forze filorusse (i rumeni di Aur), altre filo naziste (gli austriaci dell’Fpo) in un irripetibile florilegio delle peggiori destre possibili. Certo per loro è il paradiso. Per loro, appunto. Nel frattempo violentano Giorgio Gaber: “Libertà è partecipazione” e poi parlano di “Europa stuprata”. Da brividi.

 

 

(3 dicembre 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE