Home / cultura / Firenze, Palazzo Vecchio e Uffizi di nuovo uniti

Firenze, Palazzo Vecchio e Uffizi di nuovo uniti

di Gaiaitalia.com, #Firenze

 

 

 

Dopo secoli Palazzo Vecchio e Uffizi sono di nuovo uniti. Dal 5 luglio è infatti aperta la porta del passaggio sopra via della Ninna che storicamente separa i due musei, uno di competenza comunale e l’altro statale, e che è il primo tratto del cosiddetto Percorso del Principe, il camminamento sopraelevato voluto da Cosimo I de’ Medici e realizzato dall’architetto Giorgio Vasari nel 1565, per consentire ai granduchi fiorentini di spostarsi senza pericoli dal palazzo del Governo, Palazzo Vecchio, alla loro residenza di Palazzo Pitti.

Oggi la porta è stata ufficialmente aperta alla presenza del sindaco Dario Nardella, del direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt e dal ministro per i Beni culturali Dario Franceschini.
E’ previsto un biglietto integrato e quindi a un percorso museale unico stabile che comprende Palazzo Vecchio e gli Uffizi. L’atto segue la volontà espressa dal sindaco, dal ministro Franceschini e dal direttore Schmidt che già da tempo stavano lavorando con i rispettivi tecnici per rendere realizzabile il progetto. Negli anni il percorso era stato effettuato solo sporadicamente e solo con percorso guidato.

Il nuovo biglietto consentirà al pubblico di visitare autonomamente i due storici edifici e muoversi liberamente tra le straordinarie opere d’arte conservate al loro interno, con un unico vincolo, dettato da esigenze di sicurezza e limiti di affollamento: prenotare il passaggio e recarsi al suo ingresso, nella Camera Verde di Palazzo Vecchio, all’orario stabilito.

Sarà possibile prenotare chiamando il call center di Firenze Musei, tel. 055294883 (lun-ven 8.30-18.30; sab 8,30-12,30). La sperimentazione è prevista fino al 14 gennaio 2018 per consentire l’effettuazione di alcuni lavori. Il biglietto base costerà 27 euro, con le riduzioni di legge.

“Palazzo Vecchio – ha affermato il sindaco Nardella – è stato unito agli Uffizi da un progetto unitario, voluto da Cosimo dei Medici e progettato dal Vasari. Per troppo tempo il complesso è rimasto separato da confini politici e giuridici. Oggi, grazie al forte interessamento del ministro Franceschini e alla decisiva collaborazione con il direttore Schmidt, finalmente riapriamo una piccola porta simbolica, recuperiamo il grande progetto vasariano e lo mettiamo a disposizione di tutti, riunendo finalmente ciò che burocrazia e vicende politiche avevano diviso”.

 

 

(5 luglio 2017)

 





 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 



 

 

Comments

comments

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Terrorismo, da Firenze cinquanta idee per unire sicurezza e bellezza

di Gaiaitalia.com #Firenze twitter@gaiaitaliacomlo     Sedute di ogni dimensione e forma, comprese alcune molto ...

A Siena espone Edoardo Bennato

di Gaiaitalia.com, #Siena twitter@gaiaitaliacomlo #Arte     Edoardo Bennato espone a Siena la sua mostra ...

Arezzo,Trans-November: venerdì 3 alla libreria Feltrinelli presentazione di “Sconvolti. Viaggio nella realtà transgender”

di Gaiaitalia.com,#Arezzo twitter@gaiaitaliacomlo #LGBT     Parte da Arezzo il Trans-Novembrer, l’evento organizzato in occasione ...

Firenze sotto la “lente” dell’Unesco, promosse le grandi opere , la politica di riutilizzo degli edifici dismessi e la gestione dei rifiuti

di Gaiaitalia.com, #Firenze twitter@gaiaitaliacomlo #Cultura     L’Unesco ‘promuove’ pur con qualche raccomandazione, la gestione ...

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi