“Una comunità in mostra: Sanremo Pride 1972-2022” a Le Fornaci di Terranuova la mostra realizzata da Arcigay

Altri articoli

CONDIVIDI

di P.M.M.

Mezzo secolo dopo ecco 50 anni di movimento LGBTI+ italiano raccontati attraverso l’esposizione fotografica “Sanremo Pride 1972-2022: una comunità in mostra” allestita dal 4 Dicembre 2022 al 29 Gennaio 2023 all’interno dell’auditorium Le Fornaci di Terranuova Bracciolini.

E’ passato mezzo secolo infatti dalla prima manifestazione pubblica in Italia in difesa della dignità e dei diritti delle persone omosessuali che si tenne a Sanremo nel 1972, quando un gruppo di attivisti ed attiviste da tutta Europa si riunirono per protestare contro un congresso di sessuologia che promulgava le cosiddette “teorie riparative”  dell’omosessualità.

“La mostra si colloca nell’ambito delle attività inerenti l’Accordo tra Regione Toscana e pubbliche amministrazioni aderenti alla Rete Ready (Rete italiana delle Regioni, Province Autonome ed Enti Locali impegnati per prevenire, contrastare e superare le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere) – ha detto l’assessora alle pari opportunità, Caterina Barbuti – Da quando la nostra amministrazione aderisce al progetto Ready sosteniamo la Rete attraverso azioni di sensibilizzazione e approfondimento, al fine di promuovere una comunità dove nessuno si senta escluso e possa costruire il proprio progetto di vita.” Ha concluso: “Le associazioni come Chimera Arcobaleno Arcigay hanno un ruolo fondamentale di ascolto, tutela e sostegno nel nostro territorio provinciale dove, anche qui purtroppo, si sono verificati episodi di violenza e omofobia. La mostra che inauguriamo domenica 4 dicembre è un altro passo nel progetto di conoscenza e incontro”.

Il percorso espositivo racconta con foto di repertorio, articoli di giornale, pannelli e riproduzioni di materiali originali, i volti e le storie della comunità LGBTI a partire proprio dalla manifestazione di Sanremo e saranno presenti anche altre sezioni tematiche come ad esempio l’omocausto, ovvero le discriminazioni, i confinamenti e le deportazioni subite dalle persone omosessuali e trans durante il periodo nazifascista.

L’inaugurazione della mostra è prevista per Domenica 4 dicembre alle ore 11,30 presso l’auditorium Le Fornaci, alla presenza di rappresentanti dell’Amministrazione comunale, di Claudio Tosi uno dei curatori della mostra nonché responsabile cultura, storia e memoria per Arcigay nazionale e le attiviste del comitato Arcigay Arezzo.

L’esposizione sarà poi visibile all’interno dell’auditorium Le Fornaci (via Vittorio Veneto 19, Terranuova Bracciolini) fino al 29 Gennaio, per maggiori informazioni o prenotazioni di gruppo: info@chimerarcobaleno.org.

 

(1 dicembre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: