Piombino, il rigassificatore, quattro gatti e la propaganda elettorale spot (con commento in #podcast)

Condividi:

di Giancarlo Grassi

Su La7 è andato in onda in diretta da Piombino uno dei più clamorosi spot elettorali mai visti, con tanto di collegamento da studio, sventolio delle due (2!) bandiere di FdI presenti – con aggiunta di due (2!) bandiere falce e martello in tardiva aggiunta, qualche decina di persone (poi diventate poco più di un centinaio, ci dice la nostra fonte piombinese) e augusto Sindaco a marchio FdI in diretta.

Va detto che non si può certamente essere contrari a priori ad una manifestazione di cittadini che rifiutano il rigassificatore vicino al centro città – quando gli altri che si riattiveranno in Italia sono a miglia dalla costa – ma disturbano le bandiere di partito che appoggiano l’opposizione al rigassificatore, mentre contemporaneamente quel partito  grida contro il caro-gas e il cui sindaco, eletto coi colori di quel partito, divide il suo intervento in tre distinti tronconi: il primo, nel quale si dichiara contrario al rigassificatore senza se e senza ma (non lo dice e dimentica di aggiungere quello che aggiungerà dopo); il secondo dove si dichiara d’accordo con il Senatore La Russa che è invece d’accordo con il rigassificatore (e solo qui il Sindaco aggiunge che il problema non è il rigassificatore in sé, ma la sua collocazione in quel porto così vicino al centro); il terzo quando gli viene chiesto cosa direbbe se la lideressa Meloni dichiarasse che il rigassificatore sta bene dove sta e lui si perde, in puntura di vaghezza, nulla dicendo mentre pensa di dire molto, quasi a dimostrazione della straordinaria democrazia interna che sembra vigere nel partito personale della leader simil-Le Pen.

In sottofondo bandiere che si vedono e non si vedono, come certe trame neofasciste, gente che va e che viene (e il cameramen che si guarda bene dall’allargare l’inquadratura che renderebbe nota la reale partecipazione) e il Sindaco che scuote la testa quando Federico Rampini dice la sua, salvo poi ripetere più o meno gli stessi concetti.

Sempre uguali a loro stessi, questi Italiani. E più stanno a destra peggio stanno: volevano i cellulari, ma non i ripetitori salvo poi inondare le compagnie di proteste perché ricevevano male; vogliono le bollette basse e il cielo pulito, ma non vogliono gli strumenti per rendere il loro sogno possibile. Ma il vero dramma è la politica che va dietro a questi qui e al circolo vizioso dell’immobilismo per non cambiare nulla e continuare a lamentarsi, costruendo consenso su questa follia divisiva. Mentre il compito degli odiatori/agitatori tristemente si esaurisce dopo che hanno compiuto quello che è secondo loro il mestiere assegnatogli: offendere via social e sventolare due bandiere. E ne vanno pure fieri.

 

 

(28 agosto 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 



Pubblicità

Potrebbero interessarvi

Metti che questo lo facesse un africano… (guarda dove la faccio e ti dirò per chi voto)

di Viareggio Notizie Succede quasi tutte le sere: un uomo, sempre lo stesso, le cui parti basse sono turbate da...

Allerta giallo sulla Toscana. Pinete chiuse a Viareggio

di Redazione Meteo La protezione civile regionale ha emesso allerta meteo di tipo giallo per domani, giovedì 29 settembre,...

Volontario toscano investito nelle Marche: la solidarietà del presidente della Regione Toscana

di Redazione Firenze Affettuosa solidarietà e l’augurio di poter riprendere il proprio lavoro al fianco della popolazione colpita dal...

Wim Mertens chiude la bella rassegna “Genius Loci”

di Redazione Firenze Emozione irripetibile, all’alba di questa mattina, grazie al magico incontro tra Wim Mertens e la spiritualità...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: