Home / Cronaca Toscana / Distrutti i cippi che ricordano 174 massacrati dai nazisti a Padule di Fucecchio

Distrutti i cippi che ricordano 174 massacrati dai nazisti a Padule di Fucecchio

di G.G. #Firenze twitter@gaiaitaliacomlo #Nazifascismo

 

 

Mentre i tribuni sbavano violenza verbale, razzismo e fascismo ad ogni respiro perché quella è la loro missione in vita, teste vuote che non hanno passato, pensano di avere un presente e sono senza futuro moriranno inutilmente come hanno vissuto dopo avere usato il loro tempo inutilmente a svilire chi è morto affinché loro non sapessero che cazzo farsene della libertà che si ritrovano grazie a chi si è fatto ammazzare.

Abbiamo riassunto in breve, riteniamo compiutamente, ciò che alberga certi crani pieni di materia che definire cervello sarebbe un ossimoro e che ebbri della parole dei tribuni di cui necessitano per scatenare le loro gesta infami hanno distrutto i cippi che ricordano 174 uomini, vecchi, donne e bambini massacrati dai Nazisti a Padule di Fucecchio: successe il 23 agosto 1944 quando alcuni reparti dell’esercito nazista massacrarono indiscriminatamente, con metodi da guerra e di artiglieria pesante, 174 civili, fra cui neonati e anziani, all’interno del Padule di Fucecchio, fra le province di Pistoia e di Firenze, colpendo nei comuni di Monsummano Terme (frazione di Cintolese), Larciano (frazione di Castelmartini), Ponte Buggianese, Cerreto Guidi (frazione di Stabbia) e Fucecchio (frazioni di Querce e di Masserella). Era la Seconda Guerra Mondiale che Mussolini al grido di “Molti nemici, molto onore”, slogan ripetuto provocatoriamente dal ministro dell’Interno, aveva scatenato insieme al suo amichetto tedesco. E la storia, almeno fino a quando il pentaleghismo non la riscriverà per decreto, sta lì a ricordare ciò che è stato.

Ha denunciato l’accaduto il sindaco di Ponte Buggianese Nicola Tesi attraverso il proprio profilo Facebook, dopo avere ricevuto la segnalazione dai familiari delle vittime.

 

 

 




 

 

(31 luglio 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

Comments

comments

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Le Chiavi di Firenze a Franca Valeri e Lina Wertmüller

di Redazione #Firenze twitter@gaiaitaliacomlo #Cultura   L’attrice Franca Valeri e la regista Lina Wertmüller riceveranno ...

Riapre la Biblioteca Dino Pieraccioni dopo uno stop di 9 mesi

di Redazione #Firenze twitter@gaiaitaliacomlo #Cultura     E’ stata riaperta oggi, dopo uno stop di ...

Firenze, Ravenna e Verona unite per dodici mesi nel nome di Dante

di Redazione #Firenze twitter@gaiaitaliacomlo #Dante     Tre città in una nel nome di Dante: ...

Arcigay Pisa: la condizione giuridica dei migranti LGBT+ richiedenti asilo. Il 20 settembre

di Redazione #Pisa twitter@gaiaitaliacomlo #LGBTQI   La conferenza si occuperà di indagare, raccogliendo le competenze ...

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi