Home / Firenze / A Firenze al via il restauro di Porta San Giorgio. Sette mesi di lavori al costo di 250 mila euro

A Firenze al via il restauro di Porta San Giorgio. Sette mesi di lavori al costo di 250 mila euro

di Redazione #Firenze twitter@gaiaitaliacomlo #Cultura

 

 

Cominciano in questi giorni i lavori di restauro alla Porta a San Giorgio, a pochi metri dal Forte di Belvedere. I cantieri dureranno sette mesi, per un costo di 250 mila euro. Il progetto fa parte del più ampio piano di recupero delle mura che ammonta complessivamente a cinque milioni e 200 mila euro. Al momento sono state già rinnovate Porta al Prato, Porta San Frediano, Porta alla Croce, le torri della Serpe, San Niccolò e della Zecca, e i bastioni del Forte, per un importo pari a tre milioni e mezzo. Ancora restano da restaurare Porta Romana e Porta San Gallo.

La porta fu costruita nel 1324 sul colle di Boboli, su progetto attribuito ad Andrea Orcagna. A partire dal 1528, all’epoca dell’assedio di Firenze, fu ribassata in modo da risultare meno vulnerabile ai cannoneggiamenti. Le modifiche alle fortificazioni furono realizzate su progetto di Michelangelo e interessarono tutto il tratto compreso fra Porta San Miniato e Porta San Giorgio, con la creazione del bastione detto “della Ginevra”, del bastione San Giorgio e del “cavaliere del Malatesta”. Il tratto del circuito murario compreso tra Porta San Giorgio e Porta San Miniato non fu coinvolto dagli abbattimenti realizzati dal Poggi nella seconda metà dell’Ottocento.

Negli anni trenta del Novecento il Comune di Firenze realizzò, sotto la direzione dell’architetto Ezio Zalaffi, l’allargamento delle dimensioni della porta, demolendo la controporta bugnata cinquecentesca. La porta conserva sul fronte esterno un bassorilievo con San Giorgio e il drago, calco (1953) dell’originale di fine Trecento realizzato da Andrea da Pontedera custodito in Palazzo Vecchio. All’interno, sotto l’arco, sorretto da capitelli duecenteschi, c’è un affresco di Bicci di Lorenzo, staccato nel 1953, raffigurante la Madonna in trono col Bambino e i santi Leonardo e Giorgio (1430 circa).

La Porta ‘soffre’ soprattutto per l’inquinamento e per gli agenti atmosferici. L’appalto prevede il restauro conservativo del paramento murario in pietra forte della Porta e di alcuni tratti murari immediatamente adiacenti e il consolidamento statico dell’arco a sesto ribassato. I lavori prevedono inoltre la pulitura accurata e rimozione di sporco e piante infestanti, la verifica della stabilità delle parti sommitali, il consolidamento degli elementi staccati, e la realizzazione di sistema antivolatile, per impedire in futuro la colonizzazione del sottotetto da parte dei piccioni.

 

 




 

 

(28 luglio 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

Comments

comments

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Sistema inclusione famiglie: Caritas e Comune insieme per il sostegno a chi è in difficoltà

di Redazione #Arezzo twitter@gaiaitaliacomlo #Sociale   Caritas e amministrazione comunale ancora una volta insieme a ...

Firenze: Musei Civici gratis e teatri a un euro per i giovani, un invito alla lettura e all’informazione da 50 euro per libri e giornali

di Redazione #Firenze twitter@gaiaitaliacomlo #Cultura   Musei civici gratuiti e teatri del Maggio e Ort ...

A Livorno la conferenza “Parità di Genere e Contrasto alla Violenza”

di Redazione #Livorno twitter@gaiaitaliacomlo #ParitàdiGenere   Nella bella cornice del locale “Da Qualche Parte” (ex ...

La Storia dell’Ospedale San Niccolò in mostra fino al 20 gennaio

di Redazione #Siena twitter@gaiaitaliacomlo #Cultura   Da mercoledì 5 dicembre, alle ore 17,30, nella sede ...

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi