Avere così a cuore l’Italia da essere disposti ad affondarla “per salvarla”….

Altri articoli

CONDIVIDI

di Daniele Santi

Se le parole di Conte “Ci rifacciamo delle umiliazioni subite” (umiliazioni?!?!!?!) corrispondono al vero allora ecco svelato il nocciolo della crisi: un’umiliazione che risale a quando Renzi ha detto a Conte fatti più in là che qui c’è uno che ne sa più di te. E il Conte del Grillo non l’ha mandata giù. Figurarsi Casalino: dal Grande Fratello alla semi onnipotenza e ritorno con biografia al seguito…

Così ha aspettato il momento giusto – io vi ho fatto avere il PNRR e io ve lo faccio saltare in aria, disse il capo –  e ha giocato le sue carte di presidente di partito che fa saltare in aria un governo. Se i conti della serva hanno ancora un senso quello di Giuseppe Conte e della sua Armata Brancaleone è un suicidio di massa: altri 50 tra senatori e deputati di grillinissima fede, ma parte non di grillinissima tontaggine, sarebbero disponibili a votare “sì” alla fiducia a Draghi con Bugani che dice a Repubblica “Se usciamo dalla maggioranza torniamo soli contro tutti a ululare alla luna”. E noi a pensare che avessero gridato al lupo.

Così eccoci all’immobilismo totale della politica italiana, che significa bloccare un paese, a causa del Movimento 5 Stalli, già Movimento 5 Espelle, mentre Conte è in pieno trip da “riscontro sui nove punti del documento sottoposto a Draghi”, nove punti sui quali Draghi ha già detto quel che doveva. Eccolo il vero Conte: quello che ha così a cuore l’Italia da essere disposto ad affondarla per rimanere con un pugno di mosche – mosche grilline, certo, che è già una distinzione.

 

(17 luglio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 



Pubblicità
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: