Home / Firenze / Terrorismo, da Firenze cinquanta idee per unire sicurezza e bellezza

Terrorismo, da Firenze cinquanta idee per unire sicurezza e bellezza

di Gaiaitalia.com #Firenze twitter@gaiaitaliacomlo

 

 

Sedute di ogni dimensione e forma, comprese alcune molto curiose come una bocca rossa (e non a caso il progetto si chiama ‘Bacio’), vasi e fioriere ricchi di fiori e alberi, soluzioni con luci e colori: sono una cinquantina i progetti realizzabili arrivati al Comune di Firenze per la Chiamata alle Arti, l’avviso pubblico lanciato due mesi fa per trasformare in arredo urbani utili e di qualità le barriere antisfondamento in città, posizionate dopo i recenti attacchi in Spagna d’intesa con il Comitato per l’ordine e la sicurezza.

Fu il sindaco Dario Nardella, condividendo l’idea lanciata dall’architetto Stefano Boeri, a suggerire la necessità di una città che abbinasse sicurezza con bellezza e cultura. A settembre è stata quindi lanciata una consultazione di idee dal titolo #florencecalling, ovvero una ‘Chiamata alle arti’ per trovare soluzioni innovative in grado di selezionare dispositivi di protezione della città capaci di “fare di necessità, virtù” cioè di essere elementi di sicurezza ma anche di arredo urbano. L’obiettivo era quindi quello di avere protezioni di difesa passiva in grado di non compromettere con un’invasione di barriere in cemento, ma anzi di migliorare la qualità estetica e urbana degli spazi pubblici del centro storico di Firenze.
In questi due mesi sono arrivate una cinquantina di proposte, molte da Firenze ma anche da altre città d’Italia, da nord a sud e alcune dall’estero.

Molti dei proponenti sono architetti, singoli o associati, ma ci sono anche ingegneri, agronomi, garden e interior designer, studenti. Tra questi ultimi anche una giovanissima studentessa di un liceo fiorentino che, disegnando alcune fioriere, vuole dare il suo “piccolo contributo alla sicurezza della nostra città”. Fioriere a sedute sono i temi dominanti: tra i vari progetti ci sono fioriere a forma di simbolo della pace, panchine che si richiudono a libro e scompaiono (in modo da garantire flessibilità di utilizzo), sedute come massi lucidi o ‘panettoni’ luminosi, persino delle barriere a forma di tartaruga oppure sedute a forma di uova colorate.

Le proposte saranno ora valutate e saranno anche mostrate ai cittadini per condividere il più possibile la scelta delle soluzioni. Interesse dell’amministrazione è trovare delle idee da rendere disponibili anche per altre città.




 

(6 novembre 2017)

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata



 

 

Comments

comments

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Firenze, Ravenna e Verona unite per dodici mesi nel nome di Dante

di Redazione #Firenze twitter@gaiaitaliacomlo #Dante     Tre città in una nel nome di Dante: ...

Arcigay Pisa: la condizione giuridica dei migranti LGBT+ richiedenti asilo. Il 20 settembre

di Redazione #Pisa twitter@gaiaitaliacomlo #LGBTQI   La conferenza si occuperà di indagare, raccogliendo le competenze ...

Estate Fiorentina, boom delle arene sotto le stelle

di Redazione #Firenze twitter@gaiaitaliacomlo #Cultura     Oltre 64 mila presenze nei cinema sotto le ...

A Firenze “L’Eredità delle Donne” con la direzione artistica di Serena Dandini. Dal 21 al 23 settembre

di Redazione #Firenze twitter@gaiaitaliacomlo #Cultura     Si è svolta a Firenze il 14 settembre ...

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi