Pubblicità
19.2 C
Firenze
21 C
Roma
Pubblicità

TOSCANA POLITICA

Pubblicità

FIRENZE

HomeMassa-CarraraLa Life Support di Emergency a Marina di Carrara, accolti i 55...

La Life Support di Emergency a Marina di Carrara, accolti i 55 migranti salvati al largo della Libia

GAIAITALIA.COM FIRENZE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram
Pubblicità

di Redazione Toscana

Sul fianco della nave, rosso su bianco, che di prima mattina alle otto, puntuale, attraversa il canale del porto, mentre il sole disegna la sagoma delle Apuane, scorre una scritta: “i diritti degli uomini devono essere di tutti gli uomini, proprio di tutti: altrimenti chiamateli privilegio”. Le parole sono di Gino Strada, il medico e fondatore della onlus Emergency. E proprio di Emergency è la “Support life”, la nave lunga cinquantacinque metri e larga dodici, che stamani ha attraccato al porto di Marina di Carrara con 55 migranti a bordo soccorsi sabato 15 aprile in acque internazionali di fronte alla Libia: tra loro tre bambini di due e sei-sette anni, tre adolescenti di quindici-sedici anni e una mezza dozzina di donne.

Tre giorni di navigazione sono serviti alla nave per arrivare in Toscana: ma era questo il porto assegnato dalle autorità italiane per attraccare.

E la Toscana, come a fine gennaio sempre a Marina di Carrara con la Ocean Viking e prima a dicembre a Livorno per due volte (una di nuovo con l’arrivo della Life Support), allarga le braccia per accogliere chi scappa dal proprio Paese per la sopravvivenza o una vita migliore. Contro chi soffia sul fuoco della paura o da credito ai complottisti della sostituzione etnica o della difesa di una purezza italica che non si capisce neppure bene cosa sia, in una nazione dove nei secoli si sono mischiati normanni ed arabi.

“Tutti i cinquantacinque migranti rimarranno nei centri di accoglienza toscana” annuncia l’assessore regionale alla protezione civile, Monia Monni. “I tre minori non accompagnati saranno in particolare accolti in una struttura adeguata alla loro età” precisa la collega al sociale Serena Spinelli, anche lei stamani a Marina di Carrara ad accogliere nave e migranti.
Il racconto della mattina è un deja vu. Due ore dopo l’arrivo della nave, dopo i primi controlli effettuati da un infermiere del 118 e dal personale sanitrio della Sanità marittima (Usmaf-Sasn) attorno alle dieci scendono i primi migranti che a bordo di un pulmino vengono portati, come due mesi e mezzo fa, nel vicino Carrarafiere, una manciata di chilometri ed otto minuti di strada, per ulteriori controlli medici e sanitari, l’identificazione e il necessario supporto, anche psicologico.

Mentre scendono dalla passerella, un bambino che non dimostra più di due anni, in braccia alla mamma, stringe un pupazzetto che qualcuno gli ha regalato. Salutano. Sorridono. Gioca. E dietro al vetro del pulmino si allunga per cercare un contatto con la mano di uno dei soccorritori. “Tutta la prima accoglienza – precisa l’assessore Monni – è stata offerta con il supporto volontario della Protezione civile, a spesa della Regione”. “Abbiamo rimesso in campo, sotto la guida della Prefettura come prevede la normativa, tutte le competenze che sono necessarie durante uno sbarco – prosegue l’assesspra Spinelli – : protezione civile da una parte e servizio socio-sanitario dall’altro, in modo da dare sia una immediata accoglienza sia la successiva ospitalità”.

Fuori dal porto anche un gruppo di citttadini con l bandiere arcobaleno dà il benvenuto ai migranti.

Intanto Carlo Maisano, responsabile per Emergency del soccorso in mare, racconta ai giornalisti il salvataggio. “Fortunatamente è andato tutto bene – dice -. Siamo stati intimidati dai libici ad allontanarci, ma tutti i migranti erano già saliti a bordo”. Le persone soccorse provengono da Costa d’Avorio, Egitto, Eritrea, Etiopia, Nigeria, Palestina, Sudan e Somalia. La nave alla deriva, con il motore in panne, era stata segnalata da Alarm Phone, il telegono per soccorrere i migranti creato nel 2014 da un gruppo di Ong. “Erano tutti stipati su un gommone di otto o nove metri – spiega ancora Maisano –, alcuni a cavalcioni sui tubolari che già si stavano sgonfiando ed altri rannicchiati: costretti tutti a stare per ore e giorni nella stessa posizione, senza neppure spostarsi per i propri bisogni. Ora stanno bene: c’è chi è reduce di mesi od anni passati nei lager libici dove hanno subito torture. Gli abbiamo dato un posto letto, da mangiare e gli abbiamo spiegato dove stanno andando e cosa li aspetterà”.

La Toscana, come altre Regioni, è contraria al decreto legge e all’ordinanza che ha portato alla nomina, per sei mesi, di un commissario nazionale per i migranti.

“Siamo contrari perché si sta cercando di governare in maniera emergenziale un fenomeno che emergenziale non è – spiega e ribadisce l’assessore regionale alla protezione civile Monia Monni ai giornalisti al porto di Marina di Carrara, dove stamani (19 aprile) ha attraccato la Life Supporto con 55 migranti – Il problema è tutto qui: l’ordinanza peraltro prevede deroghe sulla realizzazione di strutture di accoglienza e per lo spostamento e il trasporto dei migranti, ma affronta il problema delle risorse, perché non si può fare accoglienza in maniera seria con 19 euro al giorno a persona. E infatti chi lo vorrebbe fare in mano serio, per aiutare davvero i migranti anche ad integrarsi, sta scegliendo di non partecipare”.

Così la Toscana per l’accoglienza immediata dei 55 migranti sbarcati oggi si è organizzata autonomamente: un modello esportato anche in altre regioni. Con il supporto volontario della Protezione Civile, a spese della Regione.

“L’immigrazione è un fenomeno strutturale – dice ancora Monni -. Le risposte semplici ai problemi complessi non hanno mai risolto niente. Chi attraversa il mare sa bene che lo fa rischiando la vita. Ma sa anche che a rimanere nel proprio Paese la speranza di sopravvivere sarebbe ancora meno. Ci sono persone che portano addosso i segni delle violenze subite nei lager libici e le ferite provocate dallo stare su una braca al sole, rannicchiati in un angolo per ore e giorni, immersi in acqua salata mista a carburante e ai loro stessi escrementi”.

“Sono persone – prosegue – che scappano dalla guerra ma anche dai cambiamenti climatici, sempre più pericolosi: effetti dei nostri modelli di sviluppo sbagliati che si scaricano sui più fragili. In Somalia solo l’anno scorso la siccità ha fatto 46 mila morti, di cui la metà erano bambini. Queste persone continueranno ad arrivare ed avranno bisogno di risposte strutturali. Fingere, come fa il Governo, che sia un’emergenza vuol dire trovarsi un alibi, alimentare ansia e preoccupazione delle persone ingigantendo il problema”.
I giornalisti richiedono di nuovo anche la posizione delle assessore sui Cpr. “Sono spazi di detenzione con minori diritti rispetto alle carcere, dove ad esempio c’è invece un garante dei detenuti” sintetizza Monni.

“Sono fortemente contraria: non è la soluzione – ribadisce Spinelli -, oltre ad essere un luogo dove i diritti delle persone vengono completamente annullati. Noi abbiamo bisogno invece di capacità di rispondere ad un fenomeno migratorio che non è un fenomeno emergenziale. Abbiamo bisogno di finanziare un sistema di accoglienza diffusa, che vedeva il mondo del terzo settore, quando adeguatamente finanziato, esprimere qualità e competenza, con gruppi più piccoli a cui offrire supporto giuridico e psicologico e poi opportunità di inclusione”. “Le persone che arrivano in Italia – conclude Spinelli – sono da vivere come portatori di diritti e come opportunità”.

 

 

(19 aprile 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 



Firenze
nubi sparse
19.2 ° C
19.9 °
17 °
83 %
1.7kmh
70 %
Lun
24 °
Mar
27 °
Mer
27 °
Gio
30 °
Ven
23 °
PubblicitàMelluso SS24

LEGGI ANCHE