Home / Cronaca Toscana / Firenze, corruzione in Università: sette arresti e ventidue interdizioni

Firenze, corruzione in Università: sette arresti e ventidue interdizioni

di Gaiaitalia.com, #Firenze

 

 

Nella mattinata del 25 settembre oltre 500 militari della Guardia di Finanza hanno dato esecuzione ad una vasta operazione di polizia giudiziaria su tutto il territorio nazionale, nell’ambito della quale sono stati eseguiti 29 provvedimenti cautelari personali nei confronti di docenti universitari (7 agli arresti domiciliari e 22 interdetti allo svolgimento delle funzioni di professore universitario e di quelle connesse ad ogni altro incarico assegnato in ambito accademico per la durata di 12 mesi) per reati di corruzione e più di 150 perquisizioni domiciliari presso Uffici pubblici, abitazioni private e studi professionali.

Lo comunica una nota stampa della Guardia di Finanza giunto in redazione.

Nei confronti di altri 7 docenti universitari, il Giudice per le Indagini Preliminari di Firenze si è riservata la valutazione circa l’applicazione della misura interdittiva dopo gli interrogatori che attendono gli indagati. Le misure coercitive sono state disposte dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Firenze – Dott. Angelo Antonio Pezzuti – su richiesta della locale Procura della Repubblica diretta dal Procuratore Capo, Dott. Giuseppe Creazzo.

Le indagini hanno preso il via dopo articolate investigazioni svolte dai Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Firenze coordinate dal Proc. Agg. Dott. Luca Turco e dal Sost. Proc. Dott. Paolo Barlucchi che hanno portato alla scoperta del tentativo di alcuni professori universitari di indurre un ricercatore universitario, candidato al concorso per l’Abilitazione Scientifica Nazionale all’insegnamento nel settore del “diritto tributario”, a “ritirare” la propria domanda, allo scopo di favorire un terzo soggetto in possesso di un profilo curriculare notevolmente inferiore, promettendogli che si sarebbero adoperati con la competente Commissione giudicatrice per la sua abilitazione in una successiva tornata.

Gli approfondimenti investigativi hanno consentito di accertare sistematici accordi corruttivi tra numerosi professori di diritto tributario – alcuni dei quali pubblici ufficiali in quanto componenti di diverse Commissioni nazionali (nominate dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) per le procedure di Abilitazione Scientifica Nazionale all’insegnamento nel settore scientifico diritto tributario – finalizzati a rilasciare le citate abilitazioni secondo logiche di spartizione territoriale e di reciproci scambi di favori, con valutazioni non basate su criteri meritocratici bensì orientate a soddisfare interessi personali, professionali o associativi.

 




 

(25 settembre 2017)

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 



 

Comments

comments

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Sistema inclusione famiglie: Caritas e Comune insieme per il sostegno a chi è in difficoltà

di Redazione #Arezzo twitter@gaiaitaliacomlo #Sociale   Caritas e amministrazione comunale ancora una volta insieme a ...

Firenze: Musei Civici gratis e teatri a un euro per i giovani, un invito alla lettura e all’informazione da 50 euro per libri e giornali

di Redazione #Firenze twitter@gaiaitaliacomlo #Cultura   Musei civici gratuiti e teatri del Maggio e Ort ...

A Livorno la conferenza “Parità di Genere e Contrasto alla Violenza”

di Redazione #Livorno twitter@gaiaitaliacomlo #ParitàdiGenere   Nella bella cornice del locale “Da Qualche Parte” (ex ...

La Storia dell’Ospedale San Niccolò in mostra fino al 20 gennaio

di Redazione #Siena twitter@gaiaitaliacomlo #Cultura   Da mercoledì 5 dicembre, alle ore 17,30, nella sede ...

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi